• Hai bisogno di aiuto? Contattaci

  • In evidenza

    03 settembre 2021

    Fallimento di impresa esercente attività di...

    Cassazione, sentenza n. 11292/2021.Il soggetto che, in forma individuale o societaria, svolga attività di farmacia privata, è sottoponibile, in quanto imprenditore insolvente, al fallimento. Sussiste a tal fine la giurisdizione del giudice ordinario posto che il distinto ed autonomo piano riguardante l’abilitazione amministrativa all’esercizio dell’attività farmaceutica non interferisce con il saliente profilo dell’esercizio dell’attività imprenditoriale.Per approfondimenti chiedi ai Professionisti SuperPartes  Clicca qui per leggere gli altri articoli SuperPartes  Autore immagine: Pixabay.com © Riproduzione riservata

    Scopri di più
  • News

    03 settembre 2021

    Preliminare: legittimo il recesso del promissario...

    Cassazione, ordinanza n. 20547/2021. È legittimo il recesso del promissario acquirente nel caso in cui, nonostante l’immobile promesso in vendita fosse stato dissequestrato per assoluzione conseguente a prescrizione del reato, comunque scaduto il termine per la stipula del contratto definitivo l’abuso edilizio non sia stato sanato.Per approfondimenti chiedi ai Professionisti SuperPartes  Clicca qui per leggere gli altri articoli SuperPartes  Autore immagine: Pixabay.com © Riproduzione riservata

    Scopri di più
  • News

    03 settembre 2021

    Cessione di cubatura: atto immediatamente...

    Cassazione, sentenza n. 16080/2021.La cessione di cubatura, con la quale il proprietario di un fondo distacca in tutto o in parte la facoltà inerente al suo diritto dominicale di costruire nei limiti della cubatura assentita dal piano regolatore e, formandone un diritto a sé stante, lo trasferisce a titolo oneroso al proprietario di altro fondo urbanisticamente omogeneo, è atto: 1)    immediatamente traslativo di un diritto edificatorio di natura non reale a contenuto patrimoniale; 2)    non richiedente la forma scritta ad substantiam ex art. 1350 c.c.; 3)   trascrivibile ex art. 2643 n. 2-bis c.c.; 4)   assoggettabile ad imposta proporzionale di registro come atto diverso avente ad oggetto prestazione a contenuto patrimoniale ex art. 9 Tariffa parte prima allegata al D.P.R. n. 131 del 1986 nonché, in caso di trascrizione e voltura, ad imposta ipotecaria e catastale in misura fissa ex artt. 4 Tariffa allegata al D.Lgs. n. 347 del 1990 e 10, comma 2, del medesimo D.Lgs. Per approfondimenti chiedi ai Professionisti SuperPartes  Clicca qui per leggere gli altri articoli SuperPartes  Autore immagine: Pixabay.com © Riproduzione riservata

    Scopri di più
  • News

    03 settembre 2021

    Interessi moratori e disciplina antiusura

    Cassazione S.U., sentenza n. 19597/2020. La disciplina antiusura, essendo volta a sanzionare la promessa di qualsivoglia somma usuraria dovuta in relazione al contratto, si applica anche agli interessi moratori, la cui mancata ricomprensione nell’ambito del tasso effettivo globale medio (t.e.g.m.) non preclude l’applicazione dei decreti ministeriali di cui all’art. 2. Comma 1, legge n. 108 del 1996, ove questi contengano comunque la rilevazione del tasso medio praticato dagli operatori professionali. Dall’accertamento dell’usurarietà discende l’applicazione dell’art.   1815,                   secondo    comma      c.c.,   di modo      che gli interessi moratori non sono dovuti nella misura usuraria pattuita,       bensì              in quella dei           corrispettivi          lecitamente convenuti, in applicazione dell’art. 1224 primo comma c.c. Nei          contratti    conclusi    con    i    consumatori    è    altresì applicabile la tutela prevista dagli artt. 33 secondo comma lett. f) e 36, primo comma del D. Lgs. n. 206/2005 (codice del consumo), essendo rimessa all’interessato la scelta di far valere l’uno o l’altro rimedio. Per approfondimenti chiedi ai Professionisti SuperPartes  Clicca qui per leggere gli altri articoli SuperPartes  Autore immagine: Pixabay.com © Riproduzione riservata

    Scopri di più
  • News

    03 settembre 2021

    Patto successorio: la morte deve incidere sul...

    Cassazione, sentenza n. 18198/2020. In tema di patti successori, l’atto mortis causa rilevante ai sensi dell’art. 458 c.c., è esclusivamente quello nel quale la morte incide non già sul profilo effettuale (ben potendo il decesso di uno dei contraenti fungere da termine o da condizione), ma sul piano causale, essendo diretto a disciplinare rapporti e situazioni che vengono a formarsi in via originaria con la morte del soggetto o che dalla sua morte traggono comunque una loro autonoma qualificazione, sicchè la morte deve incidere sia sull’oggetto della disposizione sia sul soggetto che ne beneficia. In relazione al primo profilo l’attribuzione deve concernere l’id quod superest, mentre in relazione al secondo deve beneficiare un soggetto solo in quanto reputato ancora esistente al momento dell’apertura della successione. Per approfondimenti chiedi ai Professionisti SuperPartes  Clicca qui per leggere gli altri articoli SuperPartes  Autore immagine: Pixabay.com © Riproduzione riservata

    Scopri di più
  • News

    03 settembre 2021

    Testamento falso ed indegnità a succedere

    Cassazione, sentenza n. 19045/2020.La formazione o l’uso consapevole di un testamento falso è causa d’indegnità a succedere, se colui che viene a trovarsi nella posizione d’indegno non provi di non aver inteso offendere la volontà del de cuius, perché il contenuto della disposizione corrisponde a tale volontà e il de cuius aveva acconsentito alla compilazione della scheda da parte dello stesso nell’eventualità che non fosse riuscito a farla di persona, ovvero che il de cuius aveva la ferma intenzione di provvedervi per evitare la successione ab intestato. Per approfondimenti chiedi ai Professionisti SuperPartes  Clicca qui per leggere gli altri articoli SuperPartes  Autore immagine: Pixabay.com © Riproduzione riservata

    Scopri di più
  • News

    03 settembre 2021

    Accettazione tacita di eredità

    Cassazione, sentenza n. 19711/2020.Si ha accettazione espressa di eredità ai sensi dell’art. 475 c.c. ogni qual volta il chiamato assuma il titolo di erede in una scrittura privata, trattandosi di autonomo negozio giuridico unilaterale e non recettizio, che conserva appieno la sua validità, ancorchè, sia stata colpita da nullità la distinta convenzione, eventualmente contenuta nello stesso documento. Per approfondimenti chiedi ai Professionisti SuperPartes  Clicca qui per leggere gli altri articoli SuperPartes  Autore immagine: Pixabay.com © Riproduzione riservata 

    Scopri di più
  • News

    03 settembre 2021

    Accettazione con beneficio di inventario e...

    Cassazione, sentenza n. 20531/2020.L’accettazione dell’eredità con beneficio di inventario limita al valore dei beni ricevuti la responsabilità dell’erede per i debiti ereditari, ma di per sé non impedisce che, entro i limiti del valore dell’eredità, i creditori agiscano direttamente contro di lui e sui suoi beni. Per approfondimenti chiedi ai Professionisti SuperPartes  Clicca qui per leggere gli altri articoli SuperPartes  Autore immagine: Pixabay.com © Riproduzione riservata

    Scopri di più
Video

19 ottobre 2021

Le vigenti disposizioni di legge nazionali e regionali che disciplinano l’attività edilizia

Tag:
Scopri di più